MENU

Il Disagio della Democrazia

Carlo Galli, Einaudi Editore, 2011

Diminuisci dimensioni testoAumenta dimensioni testo Bookmark and Share

Secondo Carlo Galli, che in questo volume conduce il lettore in un'analisi raffinata e stimolante, l'affermazione della democrazia, intesa come contesto consono alla "piena espressione delle potenzialità individuali e collettive", è stata sempre considerata tra gli obiettivi del pensiero politico, infatti già nel IV sec. a. C. Platone ("Repubblica") e Aristotele ("Politica") la descrivono come un governo di pochi.
Con Machiavelli la democrazia diventa contrasto all' ancient régime per poi giungere – dal XVII secolo – alla sovranità rappresentativa universale e allo Stato di diritto.
Oggi la democrazia comprende economia di mercato, rappresentanza delle parti sociali e azione statuale regolativa e tutelante l'uguaglianza dei cittadini. E presenta forti contraddizioni che vanno dalla marginalizzazione del popolo "sovrano" all'impossibilità di integrarlo senza riformare le istituzioni tradizionali.
Come affermato da Galli, oggi la democrazia è soggetta ad un fenomeno radicalmente nuovo: un "disagio" che si presenta in duplice forma, infatti la democrazia si vede spesso inadeguata a tutelare i propri fondamentali e i suoi cittadini le riconoscono questa inadeguatezza in modo apatico.
Le democrazie attuali devono affrontare nuove sfide che passano dalla repulsione dei cittadini per la politica – vista come nebbiosa e remota – alla necessità di contrastare rischi ritenuti erroneamente fardello del passato – tra cui attriti interculturali e violenza armata. E questo continuo adattamento non è scevro da complessità, origine potenziale tanto di successi quanto di fallimenti.
Nel contesto democratico, i cittadini hanno visto la propria voce politica ridursi nel tempo, passando dalla concezione alta della Grecia classica all'attuale configurazione rappresentativa – in cui la politica è percepita come lontana dal quotidiano.
Inoltre oggi le società riconoscono la prevalenza di attori economico-militare e questo relega inevitabilmente in secondo piano le autorità governative, minando così l'autorità dello Stato stesso e del diritto da esso applicato.
Questo riporta inesorabilmente a considerare, non senza timori, lo "stato di natura" affermato da Hobbes nel "Leviathan" (1651).
Questi fattori portano i cittadini ad uno stato di indubbia insofferenza – poiché riconoscono che attualmente il proprio governo non tutela i loro interessi fondamentali –, ma anche di profonda apatia – poiché la distanza percepita tra essi e la politica, insieme alla maggiore rilevanza riconosciuta ad attori non-politici, scoraggia delle ferme prese di posizione.

Questo disagio, magistralmente delineato da Carlo Galli nella sua pur innegabile complessità, è tale da poter rafforzare le basi della sua stessa esistenza, costringendo così i cittadini ad assumere un ruolo politico sempre più marginale in aperto contrasto con l'essenza della democrazia stessa – la sovranità è del popolo.
Come contrastare questa patologia politica?Secondo Carlo Galli è innanzitutto nelle capacità di ogni popolo contrastare le patologie delle proprie istituzioni governative e questo già indica che una soluzione è possibile. Ma il prof. Galli si spinge oltre, delineando tale soluzione come fondata sulla ripresa del sincero spirito critico e sul rafforzamento della dialettica costruttiva tra cittadini e istituzioni.Questo può realizzarsi solo se si comprende che la democrazia è un obiettivo ideale a cui l'azione individuale e istituzionale deve tendere costantemente. Solo così lo spirito critico, la ravvivata dialettica politica e in ultima istanza la buona democrazia potranno essere realizzati e mantenuti nel tempo.

Recensione a cura di Marco Praturlon

Nella sezione

3, via Brisa - 20123 Milano - Italy | T. (+39) 02 86 34 95  | F. (+39) 02 86 45 77 54 

info@globusetlocus.org